Partecipazione, una proposta di legge che nasce dal basso
TORNA INDIETRO

Partecipazione, una proposta di legge che nasce dal basso

La proposta della Cisl per la partecipazione dei lavoratori nella gestione delle imprese al centro del Consiglio generale

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 3 Luglio 2023

“Le modalità di esecuzione del lavoro nello spazio e nel tempo, le relazioni economiche e sociali all’interno delle singole comunità, il rapporto tra imprese e lavoratori, tra imprese e collettività e ambiente sono questioni di urgente attualità che ci impongono di connetterci al futuro con soluzioni che non servano solo a creare profitto e sostenibilità economica, ma ci costringano a creare valore sociale. A sviluppare, in sintesi, la capacità di cooperare per una società che ponga al centro il valore dell’uomo non come strumento di un interesse economico ma come agente di un progresso spirituale”.

Il segretario generale di Cisl Brescia, Alberto Pluda, ha aperto con queste parole i lavori del Consiglio generale dell’organizzazione riunito questa mattina nell’Auditorium di via Altipiano d’Asiago per la presentazione della proposta di legge di iniziativa popolare per la partecipazione dei lavoratori nella gestione delle imprese.

“Siamo protagonisti di una grande sfida – ha affermato ancora il sindacalista – attraverso la quale la Cisl imprime una svolta importante all’azione sindacale e impone un’agenda di contenuti, di merito, di sostanza. Una grande sfida che a partire da oggi porteremo avanti con la determinazione e l’entusiasmo con cui sempre la Cisl ha saputo sostenere le proposte che hanno segnato la storia del movimento sindacale italiano”.

 

Massagli: “Una proposta di legge che nasce dal basso”

Ad illustrare i contenuti della proposta di legge è stato Emmanuele Massagli, presidente di ADAPT e uno degli esperti che hanno lavorato all’elaborazione del testo.

“È una proposta di legge che nasce dal basso, non da un’idea giuslavoristica, ma dal tentativo di rendere trasferibile ciò che esiste già sui territori. – ha esordito Massagli – Rispetto a precedenti proposte sulla partecipazione presentate in Parlamento che puntavano su un’unica soluzione, quella della Cisl prevede più possibilità attuative: la partecipazione gestionale con la presenza dei lavoratori negli organi decisionali; la partecipazione economico finanziaria che prevede la distribuzione di una quota di utili non inferiore al 10% o la distribuzione di azioni; la partecipazione organizzativa, molto diffusa a Brescia nel settore metalmeccanico con la creazione di comitati per il miglioramento del prodotto-processo, sostenibilità, inclusività; la partecipazione consultiva, che non è solo informazione ma coinvolgimento. Quattro modalità differenti e una importante sottolineatura: la proposta della Cisl non comporta obblighi, ma mette sul piatto per chi farà la scelta della partecipazione incentivi di natura economica e fiscale”.

Quando lavoratori e imprese si mettono insieme, generano valore per tutti – ha continuato lo studioso – ed è questo che rende evidente la necessità di fare un passo in avanti sul riconoscimento istituzionale della partecipazione”.

 

Cuccello: “La partecipazione crea una cultura nuova”

Una prospettiva sulla quale Andrea Cuccello, componente della Segreteria nazionale della Cisl, ha proposto al Consiglio generale di Cisl Brescia le riflessioni conclusive: “La proposta di legge vuole essere una spinta diversa per il Paese in una fase storica in cui per le persone è sempre più difficile sentirsi parte di qualcosa di importante. Il lavoratore deve oggi assumere un ruolo tutto diverso per il superamento del concetto di conflittualità come regola dei rapporti all’interno delle aziende. Il fatto che ci si consulta, che si scelga la strategia, che si decida insieme dove andare, crea un rapporto del tutto diverso. E questo aiuta anche a migliorare il livello imprenditoriale, perché la partecipazione crea una cultura nuova, un livello qualitativo che si innalza, dall’una e dall’altra parte, generando un nuovo modello relazionale di coesione che riteniamo essere quello più opportuno per il presente e il futuro del nostro Paese”.