Ospedali camuni sempre più periferici nella programmazione sanitaria in capo a Sondrio?
TORNA INDIETRO

Ospedali camuni sempre più periferici nella programmazione sanitaria in capo a Sondrio?

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 13 Ottobre 2016

ats-lombardia“Esprimiamo forte preoccupazione sul futuro della Sanità in Valle Camonica, futuro sempre più legato a decisioni estemporanee e senza progettualità”. E’ una presa di posizione molto netta e molto dura quella che parte dalla sede provinciale della Cisl all’indirizzo dell’azienda ospedaliera camuna , quella che oggi – in virtù della riforma voluta dalla Giunta Maroni – si chiama Atts (Azienda socio-sanitaria territoriale).

In queste settimane nel resto della Lombardia – scrivono in una nota la Segreteria della Cisl bresciana e la Cisl Funzione Pubblica – si sta chiudendo il ciclo di incontri sui “piani organizzativi strategici”: ad oggi, in Provincia di Brescia manca all’appello solo l’Asst di Valle Camonica”. Ma il sindacato di via Altipiano d’Asiago non si limita alla constatazione dei fatti e domanda polemicamente: non sarà che questo avviene perché l’Asst camuna è ormai da considerare a tutti gli effetti una dipendenza territoriale della provincia di provincia di Sondrio?”.

Il punto della questione sta proprio qui, la subordinazione della programmazione ospedaliera della Valle Camonica alla Ats di Montagna (una Asl più grande del passato), che ha testa e piedi in Valtellina e che sembra considera la Valle Camonica una periferia senza specificità.

E a questo Cisl Brescia e Cisl Funzione pubblica non intendono rassegnarsi. “La nostra unica preoccupazione – scrivono – è la tutela dei cittadini e del loro diritto alla salute che non può e non deve passare per il taglio estemporaneo di posti letto e il ridimensionamento dei servizi (per fare cassa) in atto da tempo”. L’ultimo esempio? Il taglio di 13 dei 26 posti letto di riabilitazione nel presidio ospedaliero di Edolo!

Da qui l’appello al coinvolgimento e all’intervento agli Amministratori locali, ai rappresentati politici e alle associazioni del territorio perché prendano urgentemente posizione.