Nk, corsa contro il tempo per la cassa integrazione straordinaria
TORNA INDIETRO

Nk, corsa contro il tempo per la cassa integrazione straordinaria

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 7 Dicembre 2015

Si è svolto questa mattina in Aib l’incontro tra le organizzazioni sindacali, Rsu aziendali e la direzione della Nk. Il confronto è stato chiesto da Femca Cisl e Filctem Cgil dopo che lo scorso 2 dicembre il gruppo tessile ha annunciato per lo stabilimento di Ceto in Valle Camonica la cessazione dell’attività.

 

 

IL DISIMPEGNO INDUSTRIALE DI NK
Nk ha confermato questa mattina ai rappresentanti dei lavoratori la volontà di chiudere la filatura di Valle Camonica: un’esperienza che per Nk era già arrivata al capolinea tre anni fa, rianimata allora dall’investimento di un partner industriale come il Gruppo Albini che ne è diventato l’unico committente. Ora che il marchio bergamasco ha deciso di porre fine alla partnership, Nk si ritrova nell’identica condizione di tre anni fa e ribadisce il suo disimpegno.

IL PRESSING DEL SINDACATO
Il sindacato – per la Femca Cisl era presente il segretario generale Beppe Marchi – ha discusso le motivazioni all’origine delle scelte del Gruppo Albini e ha chiesto alla Nk uno sforzo coerente alla responsabilità sociale dell’impresa pe i 71 dipendenti dello stabilimento camuno.

CORSA CONTRO IL TEMPO PER LA CASSA INTEGRAZIONE STRAORDINARIA
Nk si è detta disposta a collaborare con le organizzazioni sindacali affinché si arrivi a svolgere l’iter di richiesta, discussione e autorizzazione della cassa integrazione straordinaria entro il 31 dicembre, condizione che consentirebbe di assicurare ai lavoratori – diversamente da quanto avverrebbe se l’autorizzazione dovesse arrivare il prossimo anno – 12 mesi di ammortizzatori sociali.

TRE NUOVI APPUNTAMENTI NEI PROSSIMI GIORNI
Il precipitare della crisi alla filatura di Valle Camonica sarà al centro di tre importanti appuntamenti messi a calendario nei prossimi giorni: